Non sai cosa fare nella tua vita?
Vuoi trovare la tua strada?
Stai cercando di capire quale possa essere il tuo lavoro o percorso universitario ideale?

  • Magari in questo momento ti senti stanco del lavoro attuale e desideri svegliarti al mattino, con la voglia di vivere la tua vita pienamente.
  • Magari senti che la strada da seguire è un’altra e desideri ritrovare quella tranquillità e quella pace interiore, avendo maggiore chiarezza di te stesso e di ciò che vuoi fare.
  • Magari sei bloccato/a in una vita che non ti appartiene e desideri cambiare vita e avere la libertà di realizzare quello che hai sempre sentito dentro di te.

Se ti ritrovi in queste parole, in questa guida voglio condividerti come fare chiarezza e trovare la propria strada nella vita.

Prima di iniziare, vorrei presentarmi, nel caso in cui non mi conoscessi ancora.

Ho passato tanto tempo a rincorrere la vita, non sapendo neanche io che cosa volessi.

In questa introduzione voglio condividere con te come ho trovato la mia strada, per poi andare a vedere step by step, come avvicinarsi a qualcosa che più ti appartiene e possa aiutarti a far esprimere ciò che senti dentro.

Iniziamo?
Let’s go!

Introduzione: come ho trovato la mia strada nella vita

Sono Fabrizio Frustaci, classe ‘92.

Mi occupo di Digital Marketing da ormai 9 anni. Ho intrapreso diversi lavori in questo settore, come grafico, realizzando blog e portali web, per poi occuparmi di marketing online per le aziende, fino ad arrivare a realizzare Business Online personali, come le community, noidiroma e Aforismi Romani, che molto probabilmente conoscerai.

Nel corso degli anni però, ero sempre insoddisfatto di ciò che intraprendevo.

Non sapevo dove andare, avevo paura a prendere le scelte ed erano più gli altri a credere in me, che io in me stesso.

Era come se mancasse sempre qualcosa.

Ma in realtà non c’era nulla di “sbagliato” in quei lavori.

La verità è che non mi appartenevano totalmente. Stavo intraprendendo qualcosa, in cui non ero davvero consapevole di me.

Riconoscevo in me delle potenzialità, ma non le esprimevo in realtà.

Mi accontentavo e accettavo qualcosa che non sentivo mio.

Mi piaceva ciò che facevo, ma sentivo che non mi dava quella libertà che la mia anima mi diceva che aveva bisogno.

Così dopo un evento difficile nella mia vita, ho iniziato ad intraprendere diversi percorsi di consapevolezza e conoscenza di me.

Percorsi che mi hanno permesso di conoscermi meglio e scoprire la mia unicità, tutto ciò che mi rende unico.

Da lì ho iniziato ad approfondire e a formarmi, per iniziare poi a supportare concretamente le persone a trovare la propria strada nella vita, scoprire la propria unicità, per vivere un’esistenza piena e felice.

Aiutando le persone anche a realizzare il proprio Business Online, attraverso le proprie passioni, talenti e capacità.

Ti ho raccontato tutto questo per introdurti alla guida e darti la consapevolezza del mio percorso di vita, che può sicuramente ispirarti.

La guida su come capire cosa fare nella vita

In questa guida voglio condividerti degli step pratici che sicuramente possono aiutare anche a te nell’orientarti alla ricerca del tuo percorso di vita che più ti appartiene.

Sei pronto a capire cosa fare nella tua vita?
Sei pronto/a a trovare la tua strada nella vita?

A questo punto direi di iniziare. Partiamo!

Conoscere meglio se stessi: inizia il viaggio di scoperta di se

Se in questo momento non sai cosa fare, oppure stai facendo qualcosa che non ti piace e rende la tua vita poco felice, molto probabilemente in questo momento hai confusione.

Hai poca chiarezza di ciò che può fare per te.

Quello che mi sento di suggerirti in questa fase è di fermarti.

Si, è inutile proseguire con la totale confusione continuando ad aggiungere altro nella confusione.

Prenditi il tempo per te e ascoltati.

In questa fase sarà di fondamentale importanza ritornare ad ascoltarsi profondamente.

Come vedremo più avanti, tutto ciò che ci appartiene e ci rende felice, risiede dentro di noi.

Purtroppo però nella società di oggi, ci sentiamo parte di una totale confusione e influenze che ti spingono in strade che non senti minimamente tue.

Qui entra in gioco l’ascolto di se.

Che siano attività come lo yoga, la meditazione, oppure la scrittura del diario o una passeggiata in un parco.

Il mio suggerimento è di ritornare in te e riscoprire quello che davvero fa vibrare la tua anima e ti rende felice.

Se non te la senti di fare le attività che ti ho suggerito sopra, perché credi di non riuscire ad essere costante, oppure sei convinto che continuare da solo/a ormai ti porterebbe ancora più in confusione, ci sono altre soluzioni pratiche in cui puoi essere guidato: i percorsi di crescita personale.

Come ad esempio farsi seguire da uno psicologo. Oppure da un coach o facilitatore.

Ad oggi nella mia vita ho adottato quest’ultime soluzioni più tutte quella che ti ho elencato precedentemente.

Grazie a tutte queste esperienze, con le consapevolezze acquisite e aver compreso cosa funziona, soprattutto nella fase di vita in cui ci si trova, ho realizzato un mio percorso formativo, online, che si chiama La Mappa del Tesoro.

Si tratta di un percorso individuale di coaching call con un video corso a supporto, in cui aiuto le persone a fare chiarezza proprio nel capire cosa fare nella vita.

Se ti trovi su questa pagina e sei arrivato fino a qui a leggere la guida, molto probabilmente può essere una soluzione adatta alla tua situazione attuale.

Se vuoi approfondire puoi fare click qui.

Ma continuiamo.

Un altra soluzione per far chiarezza, può essere anche quello di intraprendere dell’esperienze insolite rispetto a ciò che hai sempre fatto.

Come ad esempio organizzare un viaggio in solitaria e partire per 30 giorni dall’altra parte del Mondo.

Ed è proprio quello che ho fatto io andando a bali, ma anche a Tenerife.

Immergersi in nuovi contesti per riconnettersi con se stessi e scoprire nuove parti di se.

Prima di passare alla prossima tappa ti lascio due domande che possono aiutarti a capire cosa intraprendere per cominciare a far chiarezza oppure lavorare per superare paure, blocchi o convinzioni limitanti.

Qual è il “settore” della tua vita in cui senti di voler migliorare?

Preferisci essere seguito da una persona, fare da solo oppure fare qualcosa in gruppo?

Per avvicinarsi e riconoscere la propria strada e capire cosa fare però, tante volte bisogna andare a fondo su se stessi.

Togliere tutte quelle infrastrutture esterne a noi e che ci condizionano e offuscano ciò che l’anima ci comunica, ma che spesso appunto non sentiamo.

Dobbiamo andare a lavorare su quelle che sono le radici.

Lavorando su blocchi emotivi, paure che ci limitano, attaccamenti che abbiamo verso altri o alle circostanze, oppure aspettative che abbiamo.

Tutto questo generalmente ci limita e non ci fa accogliere ciò che in realtà ci appartiene e ci rende felici.

Limiti verso la ricerca della propria verità interiore, dei propri tesori nascosti, che a breve andremo a vedere.

Si tratta ovviamente di un lavoro di consapevolezza, che richiede tempo e costanza.

Ma passo dopo passo è qualcosa che si fa e che ci libera da tutto ciò che ci limita come abbiamo visto.

Personalmente è un lavoro che ho svolto per 6 mesi con un coach emotivo e mi ha aiutato a liberarmi da tutto ciò che mi impediva di realizzare ciò che sentivo nel profondo.

Il mio suggerimento anche in questo caso è di lavorare con un professionista che possa accompagnarti a lasciare andare tutto ciò che in questo momento ti ostacola e non ti avvicina a ciò che senti.

Cominciando così anche a dare significati potenzianti all’esperienze, persone, che fino a questo momento hai vissuto nella tua vita, ma che ti hanno limitato.

Domandati dove ti vogliono portare?
Quale lezioni vogliono lasciarti?

Per vivere un’esistenza piena, è fondamentale riconoscere il percorso di vita che abbiamo intrapreso fino ad oggi.

Molto spesso è qui che si nasconde la nostra strada.

Te ne parlo in maniera approfondita più avanti. 

Ora proseguiamo nel comprendere meglio da dove partire per capire cosa fare nella vita.

Si parte sempre da dentro di noi 😉

Nel video approfondisco l’importanza di conoscere meglio se stessi, per intraprendere un percorso di vita consapevole.

Identificare i tesori nascosti: strumenti interni per capire cosa fare nella vita

A questo punto è tempo di scoprire quelli che sono i propri tesori nascosti. 

A me piace definirli così. 🙂

Sto parlando di quelle parti di noi, che formano la nostra unicità e il nostro potenziale.

Comprendendo ciò che possa dar maggiore consapevolezza di noi e che possa accompgnarci verso una strada che sentiamo nostra.

Capendo appunto quale possa essere il lavoro o percorso universitario che sentiamo nostro.

In cui poter esprimere la nostra bellezza interiore, la nostra parte migliore. 

D’altronde sia che si tratti del lavoro o dello studio, significa passare il 30% della giornata.

Chi ha detto che deve essere qualcosa che dobbiamo fare solo per soldi?
O che deve essere un’attività che non si sceglie e che si prende quello che capita?

Io la penso completamente differente ed è per questo che ho voluto realizzare questa guida.

Sono fortemente convinto che nel momento in cui si ha fiducia in se stessi e al proprio potenziale ed unicità si può realizzare il progetto più importante della vita: se stessi.

Questo l’ho scoperto grazie soprattutto al progetto Aforismi Romani.

Nato per gioco, è stato uno strumento che mi ha permesso di scoprire la mia unicità e nuove parti di me.

Grazie all’organizzazione di eventi in giro per la città, l’apertura di uno shop online, la realizzazione di un libro pubblicato in tutte le librerie d’Italia e tante altre collaborazioni con aziende.

Ma anche grazie alla realizzazione di video mettendoci la faccia, oppure le dirette su Instagram settimanali.

Un’esperienza che mi ha fatto comprendere quanto sia importante andare alla ricerca della propria unicità per capire quale possa essere la propria strada.

Ovviamente fare tante esperienze nella propria vita, può fare davvero la differenza.

Proprio perché si sbuccia la cipolla di esperienza in esperienza, e si ha la capacità di comprendere ciò che più ci appartiene.

Ma mettendo l’attenzione ed avere maggiore consapevolezza sulle proprie passioni, talenti, capacità, desideri, valori ed esperienze passate, può fare davvero la differenza.

Anche in questo caso ho realizzato un video, in cui condivido quanto secondo me sia importante scoprire i propri tesori nascosti.

Ti suggerisco di guardarlo 😉

In chiusura di questo step, ecco qualche domanda per aiutarti a identificare le tue passioni e i tuoi talenti:

  • Quali sono quelle cose che quando le fai perdi la cognizione del tempo?
  • A quali tipologie di libri, riviste, informazioni e film sei interessato? Identifica i temi ricorrenti.
  • Quali sono quelle attività per le quali le persone ti chiedono come hai fatto?
  • Quali sono quelle cose che ti vengono meglio rispetto a tante altre attività?

Come trovare la propria strada: la vocazione

Fino adesso abbiamo capito l’importanza di conoscere meglio se stessi e di scoprire la propria unicità.

Abbiamo capito chi siamo, ora andiamo a capire cosa vogliamo.

Passiamo a comprendere meglio come identificare la propria strada nella vita.

Ovvero un lavoro o un percorso universitario che ci appartiene.
Ma andremo a vedere qualcosa di più profondo.

Ti parlerò di come trovare la propria vocazione, ovvero di ciò che nasce da dentro di noi, in linea con la nostra anima e che in qualche modo è un espressione di ciò che sentiamo dentro. 

Possiamo anche dire che è qualcosa per cui siamo destinati a fare.

Andremo anche a vedere come completare il nostro Ikigai.
(Più avanti ti spiegherò meglio di che cosa si tratta.)

Così da identificare la propria ragione di vita, ciò che da un senso profondo a ciò che facciamo.

Credevi che si parlasse di come trovare la propria strada, è?

Ma reputo che sia fondamentale appunto identificare qualcosa di davvero profondo.

Direi di continuare.

Come abbiamo visto precedentemente, nel corso della crescita generalmente veniamo influenzati da persone, società e contesti esterni a noi.

Ma che non possono minimamente riconoscere ciò che sentiamo dentro e che sentiamo di voler fare veramente.

Tante volte siamo noi i primi a non saperlo, immaginiamo gli altri.

Però in momenti in cui ci sentiamo insicuri e non sappiamo cosa fare, può succedere che si da credito più a ciò che ci viene detto dall’esterno, rispetto a ciò che sentiamo.

Reputo sia fondamentale prendere consapevolezza di tutto ciò, perché molto spesso ci si ritrova a vivere una vita che non si sente propria, senza riconoscere che è stata influenzata da fattori esterni.

Comprendendo questo, possiamo riconoscere che tutto ciò forma poi quelle che sono le nostre convinzioni, paure, blocchi e aspettative, che come abbiamo ampiamente detto viene dall’esterno.

Ma come possiamo farci influenzare dagli altri “limitatamente”, possiamo farlo per potenziarci e ispirarci.

È un ottima cosa quindi lasciarsi contaminare ad esempio da persone che già fanno quello che vogliamo fare noi.

Oppure se non sappiamo cosa fare, lasciarci comunque ispirare da chi sta seguendo i propri sogni e non è condizionato da fattori esterni.

Oppure identificare quale possa essere il nostro stile di vita ideale, o persone con il quale vogliamo collaborare o lavorare insieme.

In questa prima fase in cui stiamo cercando di capire quale possa essere la nostra strada nella vita, è di fondamentale importanza, riconoscere tutto ciò che ci limita in qualche modo e lasciarlo andare.

E farsi influenzare invece da persone, contesti, esperienze che possano accompagnarci a credere e vivere la nostra parte migliore.

In questa prima parte ho voluto condividerti di quanto sia importante prendere consapevolezza di tutto ciò che ci circonda e che possa influenzarci.

Questo perché il nostro viaggio di vita non lo facciamo da soli.

E scegliere dei compagni, contesti ed esperienze per noi favorevoli, sicuramente è il primo passo per far entrare nella nostra vita il bello e ciò che sentiamo profondamente.

Prima di entrare nel vivo e capire concretamente come identificare quella che può essere la nostra strada, riconoscendo ciò che possiamo fare, è un ottima cosa capire cosa non vogliamo fare.

Identificando così quei lavori o percorsi di studi che minimamente sentiamo nostri.

Che solo al pensiero, ci sentiamo male 😂

Tante volte identificare ciò che non vogliamo fare è quasi potente quanto l’identificare il cosa fare.

In effetti scoprendo ciò che non ci piace fare, andiamo a sbucciare la cipolla e ci avviciniamo sempre di più a riconoscere ciò che fa per noi.

Come ti raccontavo, nella mia vita, soprattutto per quanto riguarda l’esperienze nel digital marketing, ho avuto la possibilità di fare tante esperienze lavorative.

Esperienze che ringrazio con tutto il cuore, perché mi hanno permesso di comprendere ciò che mi piaceva fare e scoprire anche nuove parti di me.

Per cosa ero portato, quali cose mi venivano meglio e quali in modo naturali.

Tutte l’esperienze fatte in qualche modo, hanno segnato la mia verità o meglio ciò che la mia anima mi ha detto che era qualcosa che mi piaceva e mi dava la possibilità di esprimere la mia unicità.

Se non avessi fatto tante esperienze, molto probabilmente mi sarei fermato alle convinzioni, paure e limiti che mi erano stati indotte dall’esterno.

Il mio consiglio è di essere grati all’esperienze fatte fino ad ora e alle future.

Ti daranno modo di completare un puzzle, che generalmente comprenderai solamente con il tempo.

Quando avrai la consapevolezza di mettere assieme tutti i puntini.

Ti lascio qui sotto una bellissima citazione di Steve Jobs.

“Non potete sperare di unire i puntini guardando avanti, potete farlo solo guardandovi alle spalle: dovete quindi avere fiducia che, nel futuro, i puntini che ora vi paiono senza senso possano in qualche modo unirsi. Dovete credere in qualcosa: il vostro ombelico, il vostro karma, la vostra vita, il vostro destino, chiamatelo come volete.”

Ok fatte queste importanti premesse e ottenuto nuove consapevolezze, entriamo nel vivo di questa seconda parte di guida e andiamo a capire insieme come trovare la propria strada.

Come anticipato poco prima, in questa guida non voglio affrontare l’argomento lavoro oppure percorso universitario, solo come qualcosa che sentiamo che ci piaccia e via.

Ma andando più in profondità, capendo insieme quanto sia importante identificare qualcosa che dia modo di esprimere la nostra anima, ciò che sentiamo dentro, per vivere un’esistenza più piena.

Ti ho raccontato delle mie esperienze nel web marketing, tra grafico, siti web, marketing per aziende e così via.

Il marketing è stata sempre la mia passione, come tutt’ora, però nel corso della mia crescita, ho ottenuto nuove consapevolezze e mi hanno fatto comprendere pezzi della mia storia.

Come ci ha suggerito anche Steve Jobs, andando ad unire i punti della nostra vita, possiamo identificare quale possa essere quella cosa che dia un senso maggiore alla nostra vita.

In questo caso stiamo parlando dell’Ikigai.

L’intersezione tra:

  • Ciò che ci piace fare, ovvero le passioni
  • Ciò che ci viene bene, i talenti
  • Ciò di cui il mondo ha bisogno, la vocazione
  • Ciò per cui possiamo essere pagati, la strada/lavoro

In questo video approfondisco l’argomento Ikigai.

E in quel momento della mia vita in cui ero focalizzato solamente sul Marketing Online, nel frattempo continuavo a fare diversi percorsi di crescita e consapevolezza su me stesso.

Ho compreso quanto fosse importante per me e per i miei valori, la componente, vocazionale.

Ovvero il fatto di fare un lavoro non solo per guadagnare e stare bene io, ma portare il mio contributo ad altri, con ciò che sentivo dentro.

Ti dico tutto questo con il desiderio di farti comprendere meglio quanto possa influire positivamente, staccarsi solamente da ciò che possiamo ottenere per noi stessi, dal punto di vista monetario e basta.

Ma guardare la vita a 360 gradi per vivere un’esistenza piena e contribuire anche nella vita di altre persone.

Ovviamente quello che ti sto dicendo è frutto delle mie esperienze e di ciò che ho vissuto fino ad ora.

Ma posso testimoniarti il fatto che tutto ciò, ha fatto prendere un’altro senso alla mia esistenza.

Difatti andando a ritroso nel mio percorso di vita e riconoscendo anche quale fossero quelle battaglie che in qualche modo stavo lottando per me stesso, ho compreso quali fossero i miei valori.

Ma non solo.

Anche quelle cose che avrei fatto anche gratuitamente, perché le sentivo parte di me.

Sto parlando di tutte quelle attività che ci fanno sentire in uno stato di flow e presenza.

Dove non ci rendiamo conto del tempo che passa, ma siamo immersi nel momento presente.

Per comprendere meglio questo aspetto, ovvero la vocazione, ti lascio 2 domande alle quali ti suggerisco di rispondere:

Se fossi sicuro di non fallire, che cosa faresti domani?

A cosa dai maggior priorità nella tua vita?

Già da qui puoi comprendere meglio quali sono le cose più importanti per te e che faresti nonostante non ti pagassero.

Difatti se il nostro lavoro conciliasse con un attività di questo tipo, potremmo dire di vivere un’esistenza piena.

Non ci sarebbe più differenza tra lavoro e tempo libero.

O meglio, vivremmo la maggior parte del nostro tempo facendo ciò che sentiamo e ci rende felici.

E non c’è scritto da nessuna parte che non deve essere così.

Sono le convinzioni con il quale siamo cresciuti che ci fanno credere il contrario.

Ma sta a noi decidere in cosa credere e mettercela tutta per realizzare ciò che sentiamo profondamente.

Personalmente fino a qualche anno fa, credevo l’opposto.

Che dovessi fare le cose per dovere, perché era giusto lavorare tanto e fare qualcosa solo per soldi.

Però poi la vita mi ha messo di fronte a tante esperienze che mi hanno fatto comprendere che esisteva un’altra via.

Un tipo di lavoro ad esempio in cui avrei potuto esprimere ciò che avevo dentro e fare qualcosa che mi rendesse felice e che non ci fossero resistenze tra me e le attività lavorative che avrei dovuto svolgere.

Ecco qualche attività che mi ha permesso di avere maggiori consapevolezze, se quello che sentivo, ma non vivevo ancora, fosse possibile:

  • Partecipare ad eventi del settore
  • Leggere libri di ispirazione, crescita personale e spirituale
  • Guardare film e documentari ispirazionali e di viaggio
  • Entrare in contatto con persone che già facevano la vita e il lavoro che avrei voluto fare io

Aprire gli orizzonti quindi.

Comprendendo e avere la consapevolezza, che si potesse fare e che già esistevano persone che avevano intrapreso il percorso che sentivo di voler intraprendere anche io.

Il mio suggerimento, una volta che hai identificato quell’argomento, quella nicchia, quel lavoro che senti ti appartenga, è di crearti le circostanze che ti permettano di crederci profondamente e condizionarti, capendo come anche tu puoi farlo.

Come hai visto basta davvero poco. L’ingrediente fondamentale è credere e avere fiducia in se stessi e coraggio nel buttarsi in nuovi orizzonti di vita.

Fino ad ora abbiamo capito come identificare la nostra vocazione e come viverla ancor prima di averla fatta nostra.

Quindi ci siamo dati modo di comprendere se possa essere l’attività che fa per noi e ci possa rendere davvero felici.

A questo punto però sarà di fondamentale importanza comprendere se è qualcosa che possa soddisfare un reale bisogno.

Difatti per far sì che la nostra vocazione possa essere anche il nostro lavoro e quindi monetizzare, ci deve essere qualcuno disposto a pagarci.

Anche in questo caso facendo ad esempio delle ricerche su Google, su Facebook, oppure su Amazon, potremmo comprendere se ci siano delle persone che vendono dei propri servizi o prodotti online.

Ma anche se ci sono persone che ricercano quegli argomenti e così via.

Prendere consapevolezza del fatto che possa essere un’attività lavorativa sostenibile e duratura nel tempo.

D’altronde è una guida su come trovare la propria strada e non come trovare un lavoro cuscinetto, qualcosa da fare per un breve periodo (ad esempio cameriere, centralinista e cosi via).

Come identificare il proprio lavoro o percorso universitario ideale

Una volta che abbiamo compreso quale possa essere la nostra vocazione o comunque quella cosa che vibra dentro di noi e che possa dare un senso alla nostra vita ma anche a quella degli altri, bisognerà capire come guadagnare da tutto ciò. 

Sarà fondamentale monetizzare quella che è la nostra vocazione, proprio per poter dedicare sempre più tempo all’approfondimento e allo studio di ciò che ci appartiene.

Avere così i mezzi e il tempo da poter dedicare alla ricerca di ciò che l’anima ci sta comunicando che è ciò che fa per noi.

Altrimenti l’alternativa, molto probabilmente può essere quella di lavorare alla vocazione di un’altra persona, ma non vivere poi la nostra esistenza pienamente e felice.

Questo è ciò che credo profondamente ed ultimamente mi è stata fatta un’obiezione sulla mia pagina Facebook.

Dicendo che se si tratta della tua vocazione e lo fai per aiutare gli altri, dovresti farlo gratuitamente.

Era anche una mia credenza, ma non mi stava portando da nessuna parte.

Anzi ero obbligato a fare delle attività solo per soldi, lavorando male e sentendo di stare a buttare del tempo.

Quindi perché obbligarsi a dover “sprecare” del tempo della nostra vita, visto che poi è una sola?

Meglio andare All-in su ciò che sentiamo ci appartenga e possa far esprimere la nostra unicità.

Bisognerà comprendere quindi come poter svolgere la nostra vocazione, ovvero quale strada prendere.

Nel mio caso specifico, attualmente mi occupo di aiutare le persone a identificare quella che è la propria strada, facendo chiarezza e scoprire la propria unicità.

Mi occupo anche di Marketing Online.

Dico attualmente, perché ovviamente nel corso del tempo può cambiare.

Cresciamo, scopriamo nuove parti di noi e in qualche modo dobbiamo non essere attaccati all’etichetta che spesso ci si attacca.

Proprio per dare piena libertà alla nostra anima di avvicinarsi a ciò che sente e ha bisogno.

Quindi la mia attività potrei svolgerla in diversi modi:

  • Fare formazione in aula, organizzando degli eventi
  • Realizzare dei video corsi online
  • Fare delle chiamate di coaching via skype
  • Aprire un blog e iniziare a scrivere gli articoli
  • Collaborare con un altro professionista del settore
  • E cosi via.

Bisognerà comprendere quell’attività che attualmente più ci rispecchia e si collega con quelli che sono i propri tesori nascosti.

Se mi piace scrivere e parlare in pubblico, potrei aprire il blog e cominciare a scrivere degli articoli sull’argomento.

Oppure potrei organizzare degli eventi in aula o degli incontri meno formali.

È qualcosa che viene da dentro di noi come hai potuto capire.

Identificando quel tipo di attività lavorativa oppure anche un percorso universitario che ci dia la possibilità di esprimerci per come siamo e identificando così una strada che ci appartiene.

In questo video ti condivido come trovare il proprio lavoro ideale.

Ecco qualche domanda per capire come trovare il tuo lavoro o percorso di studi ideale:

Le persone con la mia stessa vocazione che tipo di lavoro o percorsi di studi fanno?

– Quale strada hanno intrapreso?

– Ti piace ciò che fanno?

– È in linea con i tuoi tesori nascosti? (passioni, talenti, valori, ecc)

Ci sono persone che segui, che fanno qualcosa che ti piace? Se, si che cosa fanno?

L’importanza di identificare il proprio stile di vita ideale

Prima di chiudere questa lunga guida su come trovare la propria strada nella vita, mi piacerebbe condividere con te qualcosa che ritengo sia davvero importante.

Infatti non avrebbe alcun senso trovare quella che è la nostra strada, se poi quello che facciamo non rientra nello stile di vita che vogliamo vivere.

Difatti avrebbe poco senso chiudersi dentro ad un ufficio, facendo ciò che sentiamo nostro, se siamo degli spiriti liberi e desideriamo viaggiare.

È buona cosa quindi comprendere anche quale sia il nostro stile di vita ideale.

Per capirlo puoi iniziare facendoti qualche domanda:

  • Come ti piacerebbe trascorrere le giornate?
  • Dove vorresti vivere?
  • Quali attività ti piacerebbe fare?

Queste sono alcune delle domande che ti consiglio di fare.

Prenditi del tempo e soffermarti su come ti piacerebbe vivere la tua vita.

Tutto questo può aiutarti a comprendere meglio quale possa essere il tuo stile di vita ideale in cui andare ad inserire poi la componente “lavorativa” ideale, ed anche il percorso di studi, che poi può darti quella professione, in grado di vivere quello stile di vita che desideri.

La guida su come trovare la propria strada nella vita

Bene, direi che con questo la guida su come trovare la propria strada e capire cosa fare nella vita è conclusa.

Presto in un altra guida approfondirò il tema su come esprimere il proprio potenziale.

Avendo così la possibilità di concretizzare ciò per cui abbiamo fatto chiarezza in questa guida.

Capendo come diventare la nostra versione migliore ed essere pronti nel vivere ciò che sentiamo possa farci vivere un esistenza piena e felice.

Ti suggerisco quindi di continuarmi a seguire sui miei canali social, Facebook ed Instagram, in cui condivido i nuovi contenuti formativi e racconto nuove esperienze di vita.

Se invece vuoi ricevere i nuovi video che pubblico sul mio canale Youtube, ti suggerisco di iscriverti alla mia lista, in cui invio per mail dei contenuti video avanzati sul come trovare la propria strada nella vita e realizzare il proprio business online: fai click qui per iscriverti alla lista.

  • Hai delle domande su questo tema?
  • Hai difficoltà a fare chiarezza nel capire cosa fare nella vita?

Rispondi pure sotto a quest’articolo. Mi piacerebbe molto leggere un tuo commento e risponderti personalmente.

Se invece desideri approfondire l’argomento ed essere guidato nel capire cosa fare nella tua vita, ti suggerisco di prendere in considerazione l’ebook “Trova la tua Strada”, una guida di oltre 100 pagine che ho scritto personalmente, con tanti esercizi pratici nel chiarire le tue idee, in cui ho incluso una chiamata gratuita di 20 minuti insieme a me.

Come hai potuto capire, ciò che fa davvero la differenza è scoprire quelli che sono i propri tesori nascosti e identificare una strada che possa far esprimere la nostra unicità.

Nella guida ti supporto a identificare i tuoi talenti, le tue passioni, i tuoi valori, la tua personalità e le tue capacità.

Clicca qui e scopri la guida “Trova la tua Strada”.

Con questo è tutto.

Un forte abbraccio,
Fabrizio ❤️✨